Home pageFolklore nelle Marche Folclore

MARCHE - FOLKLORE

 

 

Le numerose e variopinte manifestazioni folkloristiche traggono origine sia da tradizioni popolari legate al mondo agricolo e marinaro che da eventi storici. L’avvenimento più conosciuto della regione è la Giostra della Quintana ad Ascoli Piceno nei primi giorni di Agosto, nei pressi della fortezza malatestiana, dove i cavalieri dei sestrieri cittadini si disputano il palio. Prima della giostra ha luogo un corteo storico con circa ottocento figuranti in costumi del Quattrocento che sfilano lungo le pittoresche vie del capoluogo piceno e al termine della Giostra una fiaccolata conduce il corteo nella stupenda piazza della città. Sempre ad Agosto, a Sant’Elpidio a Mare, si svolge la "Contesa del Secchio" che si riferisce ad un'antica tradizione che narra di una disputa tra donne di diverse contrade per l’acqua di un pozzo. Il gioco fu inventato per sedare la disputa e fissare l’ordine di precedenza per attingere l’acqua. La gara consiste nel gettare un pallone nel pozzo impedendo agli altri di farlo.

La Sagra dei Piceni, a Monterubbiano, rievoca riti religiosi di tale popolazione e nel giorno di Pentecoste un corteo in costume procede dietro ad un “picchio” (uccello sacro dei piceni) legato ad un ramo di ciliegio. Segue poi la corsa all’anello dove quattro cavalieri lottano per la conquista di esso. A Porto San Giorgio c’è la Festa del Mare che culmina con una gigantesca frittura di pesce quasi da guinness dei primati. Nella terza domenica di Agosto, a Servigliano, c’è il Torneo cavalleresco Castel Clementino che inizia con una sfilata di cinquecento figuranti in costume del Quattrocento per finire con il torneo degli anelli dove si sfidano i cavalieri dei tre rioni. Altre feste popolari di origine contadina sono la Sagra delle cove a Petritoli ( tra giugno e luglio ) e la Contesa della ‘nzegna a Falerone dopo il raccolto del grano. La Corsa della spada di Camerino si tiene nella seconda metà di Maggio. Viene preceduta da un corteo storico  rinascimentale e poi, alla cerimonia di premiazione viene consegnata una spada al vincitore assoluto ed il palio al terziero vincente. A Fermignano c’è il Palio della rana nel mese di Aprile. Ci sono quattro concorrenti che spingono dei carri in legno con a bordo una rana; vince chi arriva primo con la rana.

Mondavio, il giorno di Ferragosto, ritorna all’epoca rinascimentale con una sfilata in costume. Segue la tradizionale Caccia al cinghiale ed il seguente pantagruelico banchetto. La Turba di Cantiano è una grandiosa manifestazione sacra che si svolge il Venerdì Santo mentre, a San Ginesio, si tiene il Palio di Ferragosto con sfilata in costume, la “Cacciata” ed un’accesa partita di “pallone al bracciale”. A Treia, in Agosto, c’è La Disfida del Bracciale: è un gioco simile al tennis con una palla molto pesante e, come racchetta, un bracciale ligneo dentato. Il Cavallo di Fuoco è un singolare spettacolo pirotecnico che si tiene la sera dell’ottava di Pasqua a Ripatransone. Alla fine di Agosto Senigallia è invasa da una moltitudine di bancarelle per la tradizionale Fiera Franca che affonda le proprie radici nel XVIII sec. A Loreto la Rassegna internazionale delle Cappelle musicali si svolge in Aprile.

(Fonte: MarcheNet)